NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta Per saperne di piu'

Approvo

Osservazione 28 Giugno 2014

DSC 0824aDue fine settimana con tempo bello da dedicare all'osservazione del profondo cielo non si possono perdere, così decido di accogliere l'invito di Fabio e di andare a Montecatini val di Cecina all'Astronomical Center.

Arrivato alle 19:45 circa, dopo aver montato il Dobson (accorgendomi di aver perso una manopola, grrr) ed aver sistemato gli innumerevoli oculari e filtri sul tavolino, subito ribattezzato "Mercatino delle pulci", dagli altri, faccio conoscenza con i ragazzi di Teleskope Service. Da bravi tedeschi, ogni loro postazione emana ordine e non mancano i piccoli comfort tra cui un bel lettino con coperta, così da potersi riposare tra uno scatto e l'altro con vista cielo: idea mica male!

 

Sbrigate le formalità astronomiche, ci lanciamo all'assalto della cena e soprattutto delle carne brace ottimamente cucinata. Tra una braciola e l'altra, faccio 4 chiacchere con Michael raccontandogli un po' tutti i miei tribolamenti con la guida del C9. I suoi consigli mi spingono sulla guida fuori asse, valuterò con calma...

DSC 0797

DSC 0808

Dopo il lauto pasto, torniamo alle postazioni per osservare e scopriamo che l'umidità è scesa implacabile, inzuppando tutto!! Solo le ottiche, lasciate coperte, si sono salvate... Comincio l'osservazione col solito deludente Saturno: il seeing è proprio scarso in questi giorni! Passiamo ad oggetti più interessanti. Punto M57 che si rivela incredibilmente luminosa anche a 180x. A questo punto provo la Dumbell provando il filtro O3 da 1.25" in prova vendita da Rino. Effettivamente il filtro riesce a staccarla meglio dal profondo cielo, evidenziando le zone più tenui di lato al famoso "batacchio" anche se la nebulosa è visibile anche senza filtro. Dove invece la differenza è abissale è sulla Velo: appena visibile senza filtro, diventa magnifica con l'O3. Ho l'opportunità di testare due O3 gentilmente messimi a disposizione da Michael: ottima con l'Astronomik, equivalente con il Lumicon di Guido, meno bella col TS che presenta una banda passante probabilmente troppo larga quantomeno sul Dobson. Sorprendente anche la resa con l'UHC Astronomik, molto simile all'O3, ma quest'ultimo ha una marcia un più. Testo anche gli oculari Vixen dell'associazione (ecco spiegato il mercatino): rispetto ai miei Axiom LX hanno paragonabile luminosità e nitidezza ma perdono in campo visivo e soprattutto sono più delicati durante la messa a fuoco. Pollice verso, invece, per lo zoom: non c'è nulla da fare, saranno pratici ma a me non piacciono molto.
Nel frattempo ne approfitto per fare amicizia col mio vicino, Wolfgang. Rimango estasiato nel vedere le sue foto così gli propongo, tra una foto e l'altra, di osservare nell'oculare del 40cm facendolo contentissimo! Ci sono anche un paio di ragazzi che fanno foto astronomiche, tra cui uno con un C8 che riprende M101 a fuoco diretto facendo delle immagini a dir poco pazzesche!! Se penso a quelle fatte da me, mi metto a piangere!

DSC 0812
Proseguo l'osservazione. Blinking Nebula: la stellina centrale compare e scompare a seconda che la si guardi in visione diretta o distolta dove, invece, si fanno più evidenti le zone nebulose attorno. M12 ed M10, due globulari nell'Ofiuco. M71, bell'ammasso globulare che si apre verso l'esterno. M13 come al solito splendido. I primi intoppi del mio ancora acerbo star hopping vengono fuori cercando la Crescent Nebula: dopo vari tentativi scopro che...stavo seguendo il braccio del cigno sbagliato finendo sempre su M29, Torre di raffreddamento (in effetti la ricorda). Invoco l'aiuto di Guido, angelo custode di tutti i dobsoniani in erba, che mi aiuta a capire l'errore, ma ci vuole comunque molta pazienza ed il filtro per trovarla. Oggetto non semplicissimo da vedere e piuttosto debole, rimane sempre un'ottima visione. Ripeto l'errore nella ricerca della Wild duck: sbaglio l'ultima stella dell'aquila e finisco...fuori strada! Però che bella, una volta trovata: si notano le stelle raggruppate a V in modo da sembrare uno stormo di anatre in volo o, meno romanticamente, come l'impronta di un cingolo sulla terra: col Dobson è un gioco da ragazzi tirare con gli ingrandimenti senza temere di perdere in luminosità!
Nel frattempo, un vasto fronte nuvoloso (che è male) ed umido (che è peggio) ricopre il cielo e inzuppa tutto di nuovo. Lo specchio da 40 si salva, ma ho annebbiato anche il red dot ed il cercatore. Ho bisogno di un phon per disappannare tutto.

DSC 0825a Triangolo estivo
Nel frattempo, riprovo la visione di Nettuno dal Vixen di Rino. Stavolta posso dire di aver visto qualcosa di diverso da una stella!
Proseguo la ricerca dei miei oggetti ma, come sempre, arriva la prima doccia di umiltà o, meglio, di inesperienza. Se i primi oggetti riuscivo a trovarli facilmente, ho seri problemi a trovare M26. Alla fine, ancora una volta risolutivo è stato l'intervento di Guido che mi spiega il trucco: bisogna avere un atlante che abbia magnitudine limite simile, oserei dire uguale, a quella del cercatore montato sul proprio telescopio. O, alternativamente, settare su stellarium la magnitudine limite uguale a quella del cercatore, che è circa 9. Nel mio caso era molto più alta, 12a circa, così non riuscivo mai a ritrovare le stesse stelle. Ora le ricerca è nettamente più semplice! Un validissimo consiglio, di quelli che risparmiano tempo e maledizioni...
Ormai si sono fatte le 3 del mattino. Previa passata di phon a tutti gli oggetti sul tavolino, inzuppato, torno a casa.
Un grazie a Fabio dell'Astronomical Center per l'organizzazione della serata; ai ragazzi simpaticissimi di Teleskope Service per la disponibilità; a Guido per i preziosissimi consigli e a tutti i partecipanti alla serata!
Cieli sereni, Luigi

Foto di Guido Pampaloni

Giovedì 11 Aprile 2019

Il cielo primaverile: impariamo ad osservarlo - Andrea Novelli

 

Giovedì 18 Aprile 2019

In viaggio verso la Luna: così arrivammo sulla Luna - Andrea Novelli

 

Giovedì 16 Maggio 2019

I buchi neri: tutto quello che avreste sempre voluto sapere - Gabriele Vajente

 

Giovedì 30 Maggio 2019

In viaggio verso la Luna: Houston abbiamo un problema - Ferdinando Davini

 

Giovedì 6 Giugno 2019

Telescopi Solari in Chiesa - Seconda parte - Giovanni Levita

  

Le riunioni si svolgono a Pisa in largo Francesco Petrarca n°3 alle 21:00 presso i locali della Circoscrizione N. 5

 

Login Form

Who's Online

Abbiamo 150 visitatori e nessun utente online